La tua lista di controllo: 4 passaggi per ottimizzare il tuo sito web

Nel suo libro Ultimate Guide to Optimizing Your Website, l’esperto di marketing online e di SEO Jon Rognerud ti mostra come costruire un sito web ad alte prestazioni e ottenere il miglior posizionamento su tutti i motori di ricerca. In questo estratto modificato, l’autore delinea un’ampia strategia per ottimizzare con successo il tuo sito web.

 

L’obiettivo dell’ottimizzazione dei motori di ricerca è quello di fare in modo che gli spider dei motori di ricerca non solo trovino il tuo sito e le tue pagine, ma classificano in modo specifico la pertinenza della pagina in modo che appaia in cima ai risultati del motore di ricerca. Il processo di ottimizzazione non è un processo una tantum ma richiede manutenzione, messa a punto e test e monitoraggio continui.

Di seguito è riportato un ampio processo in quattro fasi per una strategia per l’ottimizzazione dei motori di ricerca. Utilizza questo come elenco di controllo di livello superiore.

 

Fase 1: analisi aziendale del mercato target

  • Analisi del sito web Analisi di meta-set / parole chiave, testo e codice visibili per determinare quanto bene sei posizionato per i motori di ricerca. Ad esempio, quanto codice hai su una pagina rispetto al testo?
  • Analisi competitiva. Esame delle parole chiave relative ai contenuti e posizionamento attuale dei motori dei siti Web concorrenti per determinare un’efficace strategia di posizionamento del motore. Scegli i primi cinque risultati nei risultati di annunci Google per iniziare questo processo. Espandere se necessario. Utilizzare strumenti come Semrush.com e Keywordspy.com.
  • Nomina di parole chiave iniziali. Sviluppo di un elenco prioritario di termini di ricerca mirati relativi alla base di clienti e al segmento di mercato. Inizia con questo: cosa digiteresti in un motore di ricerca per trovare il tuo sito web aziendale o pagina? Quindi, chiedi ai tuoi clienti!

 

Passaggio 2: ricerca e sviluppo delle parole chiave

  • Analisi delle parole chiave Dalla nomina, identificare ulteriormente un elenco mirato di parole chiave e frasi. Esamina gli elenchi della concorrenza e altre fonti pertinenti del settore. Usa il tuo elenco preliminare per determinare un numero indicativo di recenti query sui motori di ricerca e quanti siti web sono in competizione per ciascuna parola chiave. Dare priorità a parole chiave e frasi, plurali, singolari e errori di ortografia. (Se in genere gli utenti di ricerca digitano erroneamente una parola chiave, dovresti identificarla e usarla). Tieni presente che Google cercherà di correggere il termine durante la ricerca, quindi usalo con attenzione.
  • Valutazione del ranking di base. Devi capire dove ti trovi ora per valutare con precisione le tue classifiche future. Mantieni un semplice foglio Excel per avviare il processo. Controlla settimanalmente per iniziare. Quando ti senti più a tuo agio, controlla ogni 30 o 45 giorni. Dovresti vedere miglioramenti nel traffico del sito web, un indicatore chiave del progresso delle tue parole chiave. Alcuni ottimizzatori diranno che le classifiche sono morte. Sì, il traffico e le conversioni sono più importanti, ma utilizziamo le classifiche come un indicatore.
  • Traguardi e obbiettivi. Definisci chiaramente i tuoi obiettivi in ​​anticipo in modo da poter misurare realmente il ROI da qualsiasi programma implementato. Inizia semplice, ma non saltare questo passaggio. Esempio: puoi decidere di aumentare il traffico del sito web da una previsione attuale di 100 visitatori al giorno a 200 visitatori nei prossimi 30 giorni. Oppure potresti voler migliorare il tasso di conversione attuale dell’uno percento su due in un determinato periodo. È possibile iniziare con numeri aggregati di livello superiore, ma è necessario eseguire il drill-down in pagine specifiche che possono migliorare prodotti, servizi e vendite aziendali.

 

Passaggio 3: Ottimizzazione del contenuto e invio

  • Crea titoli di pagina. I titoli basati su parole chiave aiutano a stabilire il tema e la direzione della pagina per le parole chiave.
  • Crea metatag. I tag meta description possono influenzare i click-through ma non vengono utilizzati direttamente per le classifiche. (Google non usa più il tag parole chiave).
  • Place strategic search phrases on pages. Integrate selected keywords into your website source code and existing content on designated pages. Make sure to apply a sug­gested guideline of one to three keywords/phrases per content page and add more pages to complete the list. Ensure that related words are used as a natural inclu­sion of your keywords. It helps the search engines quickly determine what the page is about. A natural approach to this works best. In the past, 100 to 300 words on a page was recommended. Many tests show that pages with 800 to 2,000 words can outperform shorter ones. In the end, the users, the marketplace, content and links will determine the popularity and ranking numbers.
  • Sviluppa nuove sitemap per Google e Bing. Rendi più facile per i motori di ricerca indicizzare il tuo sito web. Crea versioni sia XML che HTML. Una versione HTML è il primo passo. Le sitemap XML possono essere inviate facilmente tramite gli strumenti per i webmaster di Google e Bing.
  • Invia sito Web alle directory (uso limitato). I professionisti della ricerca non inviano l’URL ai principali motori di ricerca, ma è possibile farlo. Un modo migliore e più veloce è quello di ottenere link al tuo sito naturalmente. I collegamenti ottengono il tuo sito indicizzato dai motori di ricerca. Tuttavia, devi inviare il tuo URL a directory come Yahoo! (a pagamento), Business.com (a pagamento) e DMOZ (gratuito). Alcuni possono scegliere di includere script AdSense (google.com/adsense) su un nuovo sito per far visitare il loro bot di Google Media. È probabile che le pagine vengano rapidamente indicizzate.

 

Passaggio 4: test e misurazione continui

  • Prova e misura Analizza le classifiche dei motori di ricerca e il traffico web per determinare l’efficacia dei programmi che hai implementato, compresa la valutazione del rendimento delle singole parole chiave. Verifica i risultati delle modifiche e mantieni traccia delle modifiche in un foglio di calcolo di Excel o in base alle tue esigenze.
  • Manutenzione. Aggiunta e modifica continue delle parole chiave e del contenuto del sito Web sono necessarie per migliorare continuamente il posizionamento nei motori di ricerca in modo che la crescita non si fermi o diminuisca per negligenza. Inoltre, si desidera rivedere la strategia di collegamento e assicurarsi che i collegamenti in entrata e in uscita siano pertinenti per la propria attività. Un blog può fornirti la struttura necessaria e la facilità di aggiunta del contenuto di cui hai bisogno. La tua società di hosting in genere può aiutarti con l’installazione / installazione di un blog.

SERVIZI / ABILITA'